Il clima in Giappone (in estate)

Il periodo migliore per visitare il Giappone è la primavera, quando fioriscono i ciliegi. I giapponesi adorano talmente tanto la fioritura dei ciliegi che fanno picnic sotto gli alberi nei parchi e talvolta nei cimiteri (esiste persino un servizio meteo di previsioni della fioritura dei ciliegi!) oppure in autunno, quando i colori si tingono di rosso e arancione.

Purtroppo io le ferie lunghe (scordatevi di stare meno di 2-3 settimane, ci vogliono almeno 3 o 4 giorni anche solo per assimilare il fuso orario) le posso prendere solo d'estate e visto che avevo trovato un volo ottimo per metà luglio, sono partita il 13 luglio nonostante sapessi che la stagione delle piogge in Giappone dura fino al 20 luglio.
Quello che non potevo immaginare è che al mio arrivo in Giappone avrei trovato un tifone!
Per carità l'occhio del ciclone era da qualche parte nell'oceano e quindi su Tokyo e dintorni c'era "solo" la coda.. ma quel tanto che bastava per far piovere ininterrottamente giorno e notte.
Arrivare a Tokyo con tutto quel cielo grigio che si confonde con il grigio dei grattacieli, non è esaltante..

La temperatura è comunque calda e dopo un po' non provi neppure più a ripararti con k-way e simili (completamente sconosciuti in Giappone) al massimo ti compri per pochi yen (circa 300 ovvero meno di 2 euro) un ombrello di plastica trasparente.
I Giapponesi vanno tutti in giro con questi ombrelli giganti in plastica trasparente e ho il sospetto che molti li abbandonino dopo l'uso.

Nonostante la pioggia, in tutti i luoghi chiusi, che siano negozi, uffici, metropolitane, autobus, taxi.. c'è l'aria condizionata sparata a 1000. I primi giorni è abbastanza traumatico, considerando che la mettono anche di notte..

Ma quando - dopo circa una settimana - è arrivato il sole, devo ammettere che ho imparato ad apprezzarla. Il caldo del Giappone è decisamente insopportabile, con un'umidità molto elevata. Peggiore di quella che ho provato in Tailandia. Anche respirare è difficile e ogni tanto devi entrare in qualche posto con aria condizionata per riprenderti.
Il buffo è che appena spunta il sole le giapponesi tirano fuori l'ombrello, stavolta quello nero, magari di pizzo, per pararsi dal sole. Molte indossano anche guanti, magari fino al gomito per proteggersi dai raggi solari. Le scene più assurde che ho visto sono queste due: una signora che va in bici con ombrello e una signora al mare, con ciambellone e ombrello nero!!
Comunque è caldo, afoso, anche la notte. Quindi se programmate un viaggio in agosto portatevi canottiere e poco più, si suda tantissimo.

6 commenti:

nicolacassa ha detto...

Dev'essere atroce il caldo lì! La foto al mare l'hai scattata tu? Il colore del mare è abbastanza bello per essere in Giappone!!!

Nelli ha detto...

si caldissimo..

si questa foto l'ho scattata io. il mare lì è particolarmente bello, anche la sabbia (importata dall'australia) bianchissima..

e l'acqua è leggermente più calda per via delle terme.

Sabino ha detto...

voglio il ciambellone e lo voglio di quel colore lì !!!

Nelli ha detto...

eh eh eh
ben arrivato sabino

mancavano i tuoi commenti qui :)

aspetta di vedere la foto del ciambellone a forma di hello kitty

Japao ha detto...

Dovreste anche vedere le signore in bicicletta con centrino sulle mani per proteggersi dal sole (oltre all'ombrello) o a quelle che guidano, in macchina con lunghissimi guanti di cotone che arrivano fino in cima alle braccia.
Hontoni omoshiroi per noi italiani.

Lara ha detto...

Quali sono le località marine migliori dovendo andarci d'agosto?
Grazie per quanto potrete dirmi.
Lara

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...